“Pensieri in affitto” di Giuseppe Stornello, il ‘Lupin’ di Acate che ‘ruba’ e rimoderna i classici

Artista eccentrico e innovativo, Giuseppe Stornello si è cimentato nella scrittura, mettendosi alla prova con un testo che è una raccolta di pensieri e riflessioni e ha voluto condividere questa esperienza con il pubblico presente al Piper di Torre di Mezzo, venerdì scorso.


Stornello sfugge ad ogni denominatore di brand e preferisce una traiettoria parallela ma ancora più immoralistica rispetto alle strategie di pubblicità e marketing più note.
“Mi inserisco sulla scia di Hirst, Koons e Maurizio Cattelan per citare tre Artistar del nostro tempo -spiega Stornello-. Quello che potrebbe apparire, nella mia arte, come provocatorio e essenziale è un invito all’approfondimento, alla ricercatezza e allo studio. È quello che io stesso faccio proponendo e, a volte, riproponendo delle soluzioni artistiche che non seguono alcuna linea classica o moderna.”


Stornello esordisce alla biennale del 2019 presentata da Vittorio Sgarbi con una lapide con su scritto ‘World’ (mondo). “Erano passati -dice Stornello- 60 anni da quando Piero Manzoni aveva capovolto un piedistallo scrivendoci sopra ‘La base del mondo’, facendo del mondo un’opera d’arte. Con ironia e consapevolezza ho deciso di rovesciare l’emblematico gesto del grande artista.”


Non era passato molto tempo dalle prime operazioni abusive di Stornello in biennale di Venezia, e dagli happening funesti per i quali è stato cacciato fuori dopo aver piazzato pupazzetti del cartone animato “Le avventure di Tin Tin”, come racconta Stornello, “in posizione da tuffo come se tentassero il suicidio”.

Né tanto tempo era passato da quando l’artista di Acate si era presentato alla Pinacoteca di Brera come fosse un ladro per escogitare un finto furto, ovviamente autorizzato, equipaggiato da guanti di ispezione e un amico che documentasse l’intera l’operazione chiamando il tutto “Operazione Lupin”.
Sulla scia di un ‘Lupin’ contemporaneo Giuseppe Stornello torna sulle scene con “Pensieri in Affitto”, ‘rubando’ e rivisitando il pensiero dei più antichi filosofi e accostandolo alla contemporaneità di un giovane che ha già deciso di capovolgere le sue stesse idee.

Pubblicato da Valentina Maci

Giornalista pubblicista e interprete. Adoro scrivere, nel mio blog trovi un po' del mio lavoro e le mie passioni come la sezione 'Book Addicted'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: