Echos e ‘il recupero della felicità del lavoro’ nella ricerca di Simone Geraci 

L’OPENING DELLA PERSONALE A CURA DI CRISTINA COSTANZO SABATO 18 MAGGIO ALLE QUAM

 

SCICLI (RG) – Sabato 18 maggio l’opening di ‘Echos’, la personale di Simone Geraci, a cura di Cristina Costanzo, alle Quam di Scicli. Un grande emergente siciliano, pittore con la ‘p’ maiuscola, che collabora stabilmente con gallerie italiane e che ha all’attivo molte esposizioni e in particolare partecipazioni importanti a fiere europee. 

Cristina Costanzo, curatrice della mostra ‘Echos’, critica e docente di Storia dell’Arte Contemporaneaall’Università di Palermo, oltre che corrispondente per Flash Art e attiva nella cura di importanti progetti istituzionali d’arte internazionali. Per Quam ha selezionato un importante numero di opere, tutte della produzione recente, che rappresentano bene il fine lavoro e la grande ricerca di Simone Geraci. 

Una mostra monografica molto particolare, anche per la linea sottile che tiene in equilibrio il lavoro di questo autore tra pittura classica e valore contemporaneo del linguaggio con cui viene spesa, su tela, ardesia o in incisione. È proprio questo equilibrio l’identità dell’autore, motivo del successo tra i collezionisti,puristi di pittura, ma anche tra le gallerie legate ai linguaggi più contemporanei. 

Nel suo modus operandi  scrive dell’autore la curatrice Costanzo  è sempre presente, e traspare dalle sue dichiarazioni, il recupero della felicità del lavoro,cui si accompagna la dimensione del valore dell’opera per l’opera. Per l’artista, che attribuisce all’opera un linguaggio che non è quello della parola, è di fondamentale importanza la fedeltà al principio secondo cui il messaggio dell’opera è l’immagine stessa e affidare, altresì, le sue immagini silenziose a una genuina e spontanea esperienza diretta di fruizione”. 

Una figura ricca di esperienza quella di Simone Geraci, e di profonda conoscenza del mondo dell’arte, ben oltre la pittura, che affascina con la sua semplicità e spontaneità, a cominciare dal definirsi pittore più che artista, o per la sua grande capacità comunicativa, confermata dal seguito internazionale che vanta suisocial. In mostra anche delle incisioni, base per tecniche miste molto cariche di maestria, dove si apprezza a fondo la capacità tecnica del disegno vecchia maniera, una dote che ormai sta scomparendo tra gli autori più giovani. L’opening è per sabato 18 maggio alle 19.00, l’ingresso è gratuito e in mostra si potrà richiedere il libro della mostra, edito da Tecnica Mista, con la presentazione integrale della curatrice Cristina Costanzo e una ricca antologia, di selezionate tracce critiche, dedicate all’autore negli ultimi dieci anni. 

 

Pubblicato da Valentina Maci

Giornalista pubblicista e interprete. Adoro scrivere, nel mio blog trovi un po' del mio lavoro e le mie passioni come la sezione 'Book Addicted'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: