“Spara ai Fascisti”, il nuovo libro di Stefano Pepi

L’assalto a Vittoria del 10 luglio del 1943 descritto da Stefano Pepi che torna a fare un’analisi storica dello sbarco americano in Sicilia

 

Stefano Pepi esce con un nuovo saggio.  Dopo “Obiettivo Biscari” e “Biscari fascista”,  Pepi  analizza i fatti storici della Seconda Guerra Mondiale a Vittoria. Un viaggio intrapreso nell’antica Biscari insieme allo storico Domenico Anfora. Una nuova visione delle stragi compiute dagli americani nel luglio del 1943. 

IL CASO MANGANO

«Il caso Mangano -scrive Pepi- resta tuttora irrisolto , non conosciamo i nomi e l’unità di appartenenza dei militari responsabili dell’esecuzione, non sappiamo che fine sia toccata in sorte ad Ernesto, se sia stato ucciso insieme al fratello ed al nipote o sia stato fatto prima prigioniero e poi sia morto altrove e, soprattutto, ignoriamo la vera causa che fece risuonare quel 10 luglio 1943, forte e perentorio, l’ordine: “Shoot fascists!”,  spara ai fascisti, che causò la morte di Giuseppe, di Valerio e probabilmente di Ernesto.»

 

PREFAZIONE DI ANTONIO CAMMARANA

 A curare la prefazione di “Spara fai Fascisti” è Antonio Cammarana, storico di Acate: «È la prima ricostruzione storica ampia e dettagliata, fondata sui documenti dell’archivio di stato di Ragusa e dell’archivio Ufficio Storico di Stato Maggiore dell’Esercito, Aussme, della città di Vittoria, dall’inizio del Ventennio fascista fino all’occupazione angloamericana del 1943. Interessante –evidenzia Cammarana- anche la ricostruzione dell’abbattimento del Douglas C-47 18522 Dakota, colpito dal fuoco amico delle contraeree navali americane, che precipitò vicino al caseggiato rurale di Contrada Casazza, tra Acate e Vittoria e del successivo scontro a fuoco tra la retroguardia militare tedesca del battaglione Weber e i sopravvissuti dell’aereo, che si concluse con la morte dei paracadutisti americani».

 

POSTFAZIONE DI DOMENICO ANFORA

La postfazione è di Domenico Anfora: « Il lettore attento leggendo queste righe avrà la possibilità di calarsi nella drammatica realtà di una Vittoria in guerra, ripercorrendo i giorni di un calvario che segnò indelebilmente tutti gli abitanti. Si può anche intuire l’amarezza di quei soldati italiani che hanno combattuto l’invasore, che hanno sofferto e messo in gioco la loro vita per quella che chiamavano Patria e, poi, hanno visto il nemico accolto con gioia, lo stesso che bombardava e distruggeva la vita civile delle città italiane. In queste righe, popolate di varia umanità, si incontra un’antinomia di elementi: dignità e bassezza, coraggio e viltà, umanità e crudeltà».

 

Pubblicato da

Giornalista pubblicista e interprete. Adoro scrivere, nel mio blog trovi un po' del mio lavoro e le mie passioni come la sezione 'Book Addicted'

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...